APNEE NOTTURNE! - Mr.FACE
15585
post-template-default,single,single-post,postid-15585,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

APNEE NOTTURNE!

APNEE NOTTURNE!

Con l’acronimo inglese OSAS (Obstruction Sleep Apnea Syndrome) ci si riferisce alla Sindrome delle Apnee Ostruttive Notturne, uno dei disturbi respiratori più diffusi al giorno d’oggi.

Si tratta di alterazioni del processo respiratorio che si verificano maggiormente nella fase notturna, cioè durante il sonno.

La diagnostica di questa patologia non è sempre automatica: molte persone infatti non sono consapevoli di esserne affetti.

Riscontrare delle difficoltà di ventilazione durante questa fase di riposo infatti non è sempre semplice, soprattutto trattandosi di un’azione involontaria.

Chi rileva questa difficoltà nel condurre un riposo volgarmente denominato tranquillo, non è forse conscio dei rischi a cui è chiamato se non prende le giuste precauzioni.

Nello specifico le apnee si verificano con interruzioni costanti del respiro, a cui sono collegati episodi di ipertensione, diabete, patologie cardiache, incidenti (sul lavoro o alla guida), ictus e problematiche comportamentali.

Le cause che fanno scaturire le apnee interessano tutti gli organi coinvolti nella respirazione: il rilassamento dei muscoli può provocare una restrizione delle vie aeree che di conseguenza faranno più fatica a ricevere ossigeno, questo comporterà il collasso delle pareti molli.

Le dirette conseguenze di questo difficoltoso iter di respirazione sono: il russamento, cioè un eccessivo sforzo respiratorio nonché una delle principali cause o sintomi delle apnee ostruttive notturne; e dei microrisvegli inconsapevoli durante il sonno che non giovano assolutamente alla lucidità dell’interessato.

Tra gli altri sintomi che aiutano la diagnostica dell’OSAS rintracciamo anche l’alterazione della qualità del sonno, l’eccessiva sonnolenza, la difficoltà di concentrazione e la diminuzione della libido.

Questi fattori di rischio possono causare, come abbiamo affermato prima, una serie di altri disturbi all’organismo come: ipertensione, diabete, patologie cardiache, ictus, deficit della memoria e irritabilità.

Visto che il russamento è uno dei principali campanelli d’allarme per la diagnostica di questa patologia, è opportuno poter accorgersi in tempo di questo eventuale disagio e contattare un professionista della salute che possa individuare lo stadio di gravità e procedere con la giusta terapia.

La salute e il riposo sono due facce della stessa medaglia, non lasciamo che vengano oscurate dalla noncuranza e dalle leggerezza. Lo Staff della Clinica Odontostomatologica Mr. Face può fornirti diverse soluzioni per ricominciare a dormire bene e a ritrovare il tuo stato di salute.

Prenota il tuo appuntamento ora! Chiama il numero 02 89760351



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi